rabeprazolo

(Ra ra BEP zole)

Informazioni Eccipiente presentate quando disponibile (limitata, in particolare per i farmaci generici); consultare specifica etichettatura dei prodotti.

Capsule Sprinkle, orale, come sodio

AcipHex Sprinkle: 5 mg [contiene FD & C blu lacca di alluminio # 2]

AcipHex Sprinkle: 10 mg [contiene FD & C giallo # 6 (giallo tramonto)]

Tablet rilascio ritardato, orale, come sodio

Aciphex: 20 mg

Generico: 20 mg

inibitore della pompa protonica potenti; sopprime la secrezione acida gastrica inibendo la cellula parietale H + / K + pompa ATP

Orale: ben assorbita entro 1 ora

Epatici attraverso il CYP3A e 2C19 a metaboliti inattivi; CYP2C19 mostra un polimorfismo genetico noto grazie alla sua carenza in alcune sottopopolazioni (3% al 5% di caucasici e 17% al 20% degli asiatici) che si traduce in metabolismo lento

Urina (90% principalmente come tioetere metaboliti acidi carbossilici); resto nelle feci

Entro 1 ora

Plasma

Adolescenti: Tablet: 3,3 a 4,1 ore (James 2007)

Adulti: Tablet: da 2 a 5 ore; Capsule: 1 a 6,5 ​​ore

24 ore

dose-dipendente

Adolescenti: ~ 0,55-1 ora (2007), James

Adulti: 1 a 2 ore; due o tre volte maggiore nei pazienti con lieve-moderata insufficienza epatica

Siero: ~ 96%

In insufficienza epatica da lieve a moderata, l’AUC di circa raddoppiato, clearance totale è scesa a meno della metà, e C max è aumentata ~ 20% (non significativo).

valori di AUC raddoppiati; C max è aumentata del 60%

AUC per gli uomini giapponesi erano superiori del 50% al 60%

ulcere duodenali: a breve termine (4 settimane o meno) Trattamento nella guarigione e sollievo sintomatico delle ulcere duodenali negli adulti.

malattia da reflusso gastroesofageo

Erosiva o ulcerativa: a breve termine (da 4 a 8 settimane) nella guarigione e il sollievo sintomatico della erosiva o malattia da reflusso gastroesofageo ulcerosa (GERD) negli adulti; per mantenere la guarigione e la riduzione dei tassi di recidiva di sintomi di bruciore di stomaco in adulti con malattia da reflusso gastroesofageo erosiva o ulcerativa.

Sintomatico: Trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo sintomatica per un massimo di 4 settimane negli adulti, fino a 8 settimane in bambini ≥ 12 anni e negli adolescenti, e fino a 12 settimane nei bambini da 1 a 11 anni di età.

Helicobacter pylori eradicazione: In combinazione con amoxicillina e claritromicina come un regime di 3-farmaco per il trattamento di pazienti adulti con infezione da H. pylori e ulcera duodenale (attiva o storia negli ultimi 5 anni) per sradicare H. pylori.

condizioni patologiche di ipersecrezione: il trattamento a lungo termine delle condizioni patologiche di ipersecrezione, inclusa la sindrome di Zollinger-Ellison negli adulti.

etichettatura canadese: usi aggiuntivi (non in etichettatura Stati Uniti): trattamento della malattia da reflusso non erosiva (NERD); trattamento di ulcere gastriche

Manutenzione della guarigione e prevenzione delle recidive di ulcera duodenale; trattamento e la prevenzione delle ulcere da FANS indotta

Ipersensibilità (ad esempio, anafilassi, shock anafilattico, angioedema, broncospasmo, nefrite interstiziale acuta, orticaria) per rabeprazolo, altri inibitori della pompa protonica benzimidazolo sostituito, o qualsiasi componente della formulazione

Ulcera duodenale: orale: 20 mg una volta al giorno per ≤4 settimane; La terapia aggiuntiva può essere richiesta per alcuni pazienti.

Le ulcere gastriche: etichettatura canadese: orale: 20 mg una volta al giorno fino a 6 settimane; La terapia aggiuntiva può essere richiesta per alcuni pazienti.

malattia da reflusso gastroesofageo (GERD)

Erosiva o GERD ulcerosa: Trattamento: 20 mg una volta al giorno per 4 a 8 settimane; Se la risposta inadeguata, può ripetere fino a ulteriori 8 settimane; manutenzione: 20 mg una volta al giorno.

etichettatura canadese: 20 mg una volta al giorno per 4 settimane; Se la risposta inadeguata, può ripetere per altre 4 settimane (la mancanza di controllo dei sintomi dopo 4 settimane garantisce ulteriore valutazione); manutenzione: 10 mg una volta al giorno (massimo: 20 mg una volta al giorno).

GERD sintomatico: Trattamento: 20 mg una volta al giorno per 4 settimane; Se la risposta inadeguata, può ripetere per altre 4 settimane.

etichettatura canadese: 10 mg una volta al giorno (massimo: 20 mg una volta al giorno) per 4 settimane; la mancanza di controllo dei sintomi dopo 4 settimane garantisce un’ulteriore valutazione.

Helicobacter pylori eradicazione: Oral

etichettatura Produttore: 20 mg due volte al giorno somministrati con amoxicillina 1000 mg e claritromicina 500 mg due volte al giorno per 7 giorni

American College of Gastroenterology linee guida (Chey, 2007)

allergia Nonpenicillin: 20 mg due volte al giorno somministrato con amoxicillina 1000 mg e claritromicina 500 mg due volte al giorno per 10 a 14 giorni

allergia alla penicillina: 20 mg due volte al giorno somministrato con claritromicina 500 mg e metronidazolo 500 mg due volte al giorno per 10 a 14 giorni o 20 mg una volta o due volte al giorno somministrato con Subsalicilato di bismuto 525 mg e metronidazolo 250 mg più tetraciclina 500 mg 4 volte al giorno per 10 a 14 giorni

Condizioni ipersecrezione: orale: 60 mg una volta al giorno; dose può essere necessario un aggiustamento, se necessario. Dosi fino a 100 mg una volta al giorno e 60 mg due volte al giorno sono stati utilizzati, e continuò il tempo necessario (fino a 1 anno in alcuni pazienti).

malattia da reflusso non erosiva (NERD): etichettatura canadese: Orale: Trattamento: 10 mg (massimo: 20 mg una volta al giorno) per 4 settimane; la mancanza di controllo dei sintomi dopo 4 settimane garantisce un’ulteriore valutazione

Fare riferimento al dosaggio degli adulti.

malattia da reflusso gastroesofageo (GERD)

I bambini da 1 a 11 anni: Oral

<15 kg: 5 mg una volta al giorno per ≤ 12 settimane; Se la risposta inadeguata può aumentare fino a 10 mg una volta al giorno. ≥15 kg: 10 mg una volta al giorno per ≤ 12 settimane. I bambini ≥ 12 anni e adolescenti: orali: 20 mg una volta al giorno per ≤8 settimane. Alcun aggiustamento del dosaggio necessario. Lieve-moderata: alcun aggiustamento del dosaggio necessario. Grave: Non ci sono aggiustamenti di dosaggio fornite nell'etichettatura del produttore (non è stato studiato). Usare con cautela. Può essere somministrato con un antiacido. Capsule: Somministrare 30 minuti prima di un pasto. Aprire la capsula e cospargere il contenuto su una piccola quantità di cibo morbido (ad esempio, mele, frutta o verdura a base alimenti per l'infanzia, yogurt) o il contenuto vuote in una piccola quantità di liquido (ad esempio, latte artificiale, succo di mela, soluzione elettrolitica pediatrica); cibo o liquidi devono essere a temperatura ambiente o inferiore. Non masticare o schiacciare granuli; amministrare intera dose entro 15 minuti dalla preparazione (non conservare per uso futuro). Compresse: può essere somministrato con o senza cibo. Tuttavia, quando viene utilizzato per la guarigione delle ulcere duodenali, si raccomanda la somministrazione dopo la prima colazione. Quando viene utilizzato per l'eradicazione di H. pylori, si raccomanda la somministrazione con i pasti mattina e sera. Deglutire le compresse intere; Non schiacciare, dividere, o masticare. Capsule: prendere 30 minuti prima di un pasto. Compresse: possono essere assunte con o senza cibo. Tuttavia, quando viene utilizzato per la guarigione delle ulcere duodenali, è meglio se preso dopo la prima colazione. Quando viene utilizzato per l'eradicazione di Helicobacter pylori, prendere con i pasti mattina e sera. Conservare a 25 ° C (77 ° F); sono consentiti escursioni tra 15 ° C e 30 ° C (59 ° F e 86 ° F). Proteggere dall'umidità. Amodiaquine: CYP2C8 inibitori può aumentare la concentrazione sierica di amodiaquine. Evitare combinazione Anfetamine: inibitori della pompa protonica può aumentare l'assorbimento di anfetamine. La terapia Monitor Aripiprazolo: CYP2D6 Inibitori (debole) può aumentare la concentrazione sierica di aripiprazolo. Gestione: Monitor per un aumento degli effetti farmacologici di aripiprazolo. aggiustamenti dosaggio di aripiprazolo può o non può essere richiesto sulla base di terapia concomitante e / o indicazione. Consultare completa monografia interazione per le raccomandazioni specifiche. La terapia Monitor Atazanavir: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di atazanavir. Gestione: Visualizza intera droga interazione monografia per i dettagli. Prendere in considerazione la modifica della terapia Derivati ​​bifosfonati: inibitori della pompa protonica possono diminuire l'effetto terapeutico di bifosfonati derivati. La terapia Monitor Bosentan: può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. La terapia Monitor Bosutinib: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Bosutinib. Gestione: Prendere in considerazione alternative alla inibitori della pompa protonica, come gli antiacidi o antagonisti dei recettori H2. Somministrare agenti alternativi più di 2 ore prima o dopo Bosutinib. Prendere in considerazione la modifica della terapia Cefditoren: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Cefditoren. Gestione: Se possibile, evitare l'uso di Cefditoren con inibitori della pompa protonica (PPI). Prendere in considerazione metodi alternativi per ridurre al minimo / controllare il reflusso acido (ad esempio, modificazione della dieta) o terapia antimicrobica alternativa se l'uso di PPI non può essere evitato. Prendere in considerazione la modifica della terapia Clopidogrel: rabeprazolo possono diminuire le concentrazioni sieriche del metabolita attivo (s) di Clopidogrel. Gestione: a causa del possibile rischio per l'efficacia di clopidogrel compromessa, i medici dovrebbero considerare attentamente la necessità di terapia con inibitori della pompa protonica nei pazienti trattati con clopidogrel. Altre terapie acido per abbassare non sembrano condividere questa interazione. Prendere in considerazione la modifica della terapia CYP2C19 induttori (Forte): possono aumentare il metabolismo del CYP2C19 substrati. Gestione: Si consideri un'alternativa per uno dei farmaci interagenti. Alcune combinazioni possono essere specificamente controindicati. Consultare appropriata etichettatura produttore. Prendere in considerazione la modifica della terapia Substrati del CYP2C8: CYP2C8 inibitori (Moderato) possono diminuire il metabolismo del CYP2C8 substrati. La terapia Monitor Induttori del CYP3A4 (Moderato): può diminuire la concentrazione sierica di substrati del CYP3A4. La terapia Monitor Gli induttori del CYP3A4 (Forte): possono aumentare il metabolismo di CYP3A4 substrati. Gestione: Si consideri un'alternativa per uno dei farmaci interagenti. Alcune combinazioni possono essere specificamente controindicati. Consultare appropriata etichettatura produttore. Prendere in considerazione la modifica della terapia Cisteamina (sistemica): inibitori della pompa protonica può diminuire l'effetto terapeutico di cisteamina (sistemica). La terapia Monitor Dabigatran etexilato: inibitori della pompa protonica può ridurre le concentrazioni sieriche del metabolita attivo (s) di dabigatran etexilato. La terapia Monitor Dabrafenib: può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. Gestione: cercare alternative al substrato del CYP3A4, quando possibile. Se la terapia concomitante non può essere evitato, monitorare gli effetti clinici del substrato da vicino (in particolare effetti terapeutici). Prendere in considerazione la modifica della terapia Dabrafenib: può diminuire la concentrazione sierica di CYP2C19 substrati. Gestione: cercare alternative al substrato del CYP2C19, quando possibile. Se la terapia concomitante non può essere evitato, monitorare gli effetti clinici del substrato da vicino (in particolare effetti terapeutici). Prendere in considerazione la modifica della terapia Dabrafenib: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Dabrafenib. Dabrafenib può diminuire la concentrazione sierica di inibitori della pompa protonica. Gestione: cercare alternative alla inibitore della pompa protonica, quando possibile. Se la terapia concomitante non può essere evitato, monitorare gli effetti diminuiti di entrambi i farmaci. Prendere in considerazione la modifica della terapia Dasatinib: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di dasatinib. Gestione: Antiacidi (prese 2 ore prima o dopo la somministrazione di dasatinib) possono essere utilizzati al posto di inibitore della pompa protonica se è necessaria una terapia acido-riduzione. Evitare combinazione Deferasirox: può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. La terapia Monitor Delavirdina: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di delavirdina. Gestione: la terapia cronica con inibitori della pompa protonica (PPI) dovrebbe essere evitato nei pazienti trattati con delavirdina. Il significato clinico di terapia con PPI a breve termine con delavirdina è incerta, ma tale terapia deve essere effettuato con cautela. Evitare combinazione Dexmetilfenidato: inibitori della pompa protonica può aumentare l'assorbimento di dexmetilfenidato. In particolare, inibitori della pompa protonica possono interferire con il normale rilascio di farmaco dalle capsule a rilascio prolungato (Focalin marca XR), che potrebbero causare sia aumentato assorbimento (inizio) e diminuito assorbimento ritardato. La terapia Monitor Dextroamphetamine: inibitori della pompa protonica può aumentare l'assorbimento di destroanfetamina. In particolare, il tasso di assorbimento dextroamphetamine dal misto di sale anfetamine rilascio prolungato (XR) capsule può essere aumentato nelle prime ore dopo la somministrazione. La terapia Monitor ENZALUTAMIDE: può diminuire la concentrazione sierica di substrati del CYP3A4. Gestione: L'uso concomitante di ENZALUTAMIDE a substrati di CYP3A4 con un indice terapeutico stretto, dovrebbe essere evitato. L'utilizzo di ENZALUTAMIDE e qualsiasi altro substrato di CYP3A4 deve essere effettuata con cautela e attento monitoraggio. Prendere in considerazione la modifica della terapia ENZALUTAMIDE: può diminuire la concentrazione sierica di CYP2C19 substrati. Al contrario, le concentrazioni di metaboliti attivi possono essere aumentate per quei farmaci attivati ​​da CYP2C19. Gestione: L'uso concomitante di ENZALUTAMIDE con i substrati del CYP2C19 che hanno un indice terapeutico stretto, dovrebbe essere evitato. L'utilizzo di ENZALUTAMIDE e qualsiasi altro supporto CYP2C19 deve essere effettuata con cautela e attento monitoraggio. Prendere in considerazione la modifica della terapia Erlotinib: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Erlotinib. Evitare combinazione Fluconazolo: può aumentare la concentrazione sierica di inibitori della pompa protonica. La terapia Monitor Gefitinib: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di gefitinib. Gestione: Evitare l'uso di inibitori della pompa protonica (PPI) con gefitinib, quando possibile. Se necessario, somministrare gefitinib 12 ore dopo la somministrazione del PPI o 12 ore prima della dose successiva del PPI. Prendere in considerazione la modifica della terapia Indinavir: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Indinavir. La terapia Monitor Sali di ferro: inibitori della pompa protonica può diminuire l'assorbimento dei sali di ferro. Eccezioni: Ferric Carboxymaltose; Ferrico citrato; Gluconato ferrico; Pirofosfato ferrico citrato; ferumoxytol; Ferro destrano complessi; Ferro saccarosio. La terapia Monitor Itraconazolo: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di itraconazolo. Prendere in considerazione la modifica della terapia Ketoconazolo (sistemica): inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di ketoconazolo (sistemica). Ketoconazolo (sistemica) può aumentare la concentrazione sierica di inibitori della pompa protonica. Prendere in considerazione la modifica della terapia Ledipasvir: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Ledipasvir. Gestione: Evitare l'uso di IPP a dosi superiori a l'equivalente di omeprazolo 20 mg, evitare la somministrazione di inibitori della pompa protonica entro 2 ore prima della ledipasvir dosaggio, e di evitare l'uso di PPI in combinazione con il cibo. Prendere in considerazione la modifica della terapia Mesalamine: inibitori della pompa protonica può diminuire l'effetto terapeutico della mesalazina. pompa protonica inibitori mediata aumenti del pH gastrointestinale possono causare il rilascio prematuro di mesalazina da specifici prodotti di mesalazina a rilascio prolungato. Gestione: Considerare evitando la somministrazione concomitante di inibitori della pompa protonica ad alte dosi (PPI) con prodotti di mesalazina a rilascio prolungato. Prendere in considerazione la modifica della terapia Metotrexato: inibitori della pompa protonica può aumentare la concentrazione sierica di metotrexate. La terapia Monitor Il metilfenidato: inibitori della pompa protonica può aumentare l'assorbimento di metilfenidato. In particolare, inibitori della pompa protonica possono interferire con il normale rilascio di farmaco dalle capsule a rilascio prolungato (Ritalin LA marca), che potrebbero causare sia aumentato assorbimento (inizio) e diminuito assorbimento ritardato. La terapia Monitor Mitotane: può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. Gestione: Dosi di substrati del CYP3A4 può essere necessario un aggiustamento sostanziale quando viene utilizzato in pazienti in trattamento con il mitotano. Prendere in considerazione la modifica della terapia Multivitaminici / minerali (con ADEK, folato, ferro da stiro): inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di multivitaminici / minerali (con ADEK, acido folico, ferro da stiro). In particolare, l'assorbimento del ferro può essere ridotto. La terapia Monitor Micofenolato: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Micofenolato. In particolare, le concentrazioni di acido micofenolico attiva possono essere ridotti. La terapia Monitor Nelfinavir: inibitori della pompa protonica può ridurre le concentrazioni sieriche del metabolita attivo (s) del nelfinavir. Inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di nelfinavir. Evitare combinazione Nilotinib: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di nilotinib. Gestione: Evitare questa combinazione quando possibile poiché la separazione di dosi non è probabile che sia un metodo adeguato di minimizzare l'interazione. Prendere in considerazione la modifica della terapia Osimertinib: può aumentare la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. Osimertinib può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. La terapia Monitor Pazopanib: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di pazopanib. Evitare combinazione Posaconazolo: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di posaconazolo. Prendere in considerazione la modifica della terapia Raltegravir: inibitori della pompa protonica può aumentare la concentrazione sierica di raltegravir. La terapia Monitor Rilpivirina: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di rilpivirina. Evitare combinazione Riociguat: inibitori della pompa protonica può diminuire la concentrazione sierica di Riociguat. La terapia Monitor Risedronato: inibitori della pompa protonica può diminuire l'effetto terapeutico di Risedronato. Inibitori della pompa protonica può aumentare la concentrazione sierica di Risedronato. Ciò vale in particolare all'utilizzo di risedronato a rilascio ritardato. Evitare combinazione Saquinavir: inibitori della pompa protonica può aumentare la concentrazione sierica di Saquinavir. La terapia Monitor Siltuximab: può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. La terapia Monitor Erba di San Giovanni: può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. Gestione: Si consideri un'alternativa per uno dei farmaci interagenti. Alcune combinazioni possono essere specificamente controindicati. Consultare appropriata etichettatura produttore. Prendere in considerazione la modifica della terapia Tacrolimus (sistemica): inibitori della pompa protonica può aumentare la concentrazione sierica di Tacrolimus (sistemica). Gestione: aggiustamento della dose Tacrolimus può essere richiesto. Rabeprazolo, pantoprazolo, o antagonisti del recettore H2 selezionati (vale a dire, la ranitidina o famotidina) può essere meno probabile per interagire. I test genetici possono predire i pazienti a più alto rischio. Prendere in considerazione la modifica della terapia Tipranavir: può diminuire la concentrazione sierica di inibitori della pompa protonica. Questi dati derivano da studi con ritonavir Tipranavir. La terapia Monitor Tocilizumab: può diminuire la concentrazione sierica di CYP3A4 substrati. La terapia Monitor Voriconazolo: può aumentare la concentrazione sierica di inibitori della pompa protonica. Inibitori della pompa protonica può aumentare la concentrazione sierica di voriconazolo. Gestione: in pazienti trattati con omeprazolo 40 mg / die o superiore, ridurre la dose di omeprazolo della metà quando si inizia voriconazolo. La terapia Monitor La frequenza non sempre definito. 1% a 10% Cardiovascolare: edema periferico Sistema nervoso centrale: cefalea (2% al 10%), dolore (3%), vertigini Gastrointestinale: diarrea (2% al 5%), nausea (2% al 5%), dolore addominale (4%), vomito (4%), flatulenza (3%), stipsi (2%), xerostomia Epatica encefalopatia epatica, epatite, aumento degli enzimi epatici Infezione: maggiore suscettibilità alle infezioni (2%) Neuromuscolare e scheletrico: artralgia, mialgia Respiratorio: faringite (3%) <1% (Limitato a importante o pericolosa per la vita): agranulocitosi, albuminuria, alopecia, l'ambliopia, anafilassi, l'anemia, angioedema, fratture ossee, eruzioni cutanee bollose, colecistite, colelitiasi, malattia renale cronica (Lazarus 2016), Clostridium difficile diarrea associata ( CDAD), la colite, coma, delirio, disorientamento, eritema multiforme, ginecomastia, ematuria, anemia emolitica, epatotossicità (idiosincratico) (Chalasani 2014), iperammoniemia, reazioni di ipersensibilità, l'ipertensione, ipopotassiemia, ipomagnesiemia, iponatremia, aumento stimolante la tiroide livello di ormone, interstiziale nefrite, ittero, leucocitosi, leucopenia, melena, l'emicrania, neutropenia, osteoporosi, palpitazioni, pancreatite, pancitopenia, frattura patologica causa di osteoporosi, polmonite, rabdomiolisi, bradicardia sinusale, sindrome di Stevens-Johnson, trombocitopenia, necrolisi epidermica tossica Le preoccupazioni relative agli effetti avversi • gastrite atrofica: la terapia con omeprazolo a lungo termine ha causato gastrite atrofica (mediante biopsia); questo può verificarsi anche con rabeprazolo. • Carcinoma: non si sono verificati casi di enterocromaffini-come carcinoidi (ECL) delle cellule, displasia o neoplasia. • Clostridium difficile -associated diarrea (CDAD): l'uso di inibitori della pompa protonica (PPI) può aumentare il rischio di CDAD, specialmente nei pazienti ospedalizzati; prendere in considerazione la diagnosi CDAD nei pazienti con diarrea persistente che non migliora. Usare il più basso dosaggio e la durata più breve della terapia con PPI appropriate per la condizione da trattare. • Fratture: aumentata incidenza di fratture ossee correlate all'osteoporosi dell'anca, della colonna vertebrale, o al polso può verificarsi con inibitore della pompa protonica (PPI) Terapia. I pazienti trattati con alte dosi (multiple dosi giornaliere) o terapia a lungo termine (≥1 anno) devono essere monitorati. Utilizzare la più bassa dose efficace per la durata più breve di tempo, utilizzare la vitamina D e supplementazione di calcio, e seguire le linee guida appropriate per ridurre il rischio di fratture nei pazienti a rischio. • infezione gastrointestinale (ad esempio, Salmonella, Campylobacter): l'uso di inibitori della pompa protonica può aumentare il rischio di queste infezioni. • Ipomagnesemia: riportata raramente, di solito con l'uso prolungato di PPI> 3 mesi (maggior parte dei casi> 1 anno di terapia). Può essere sintomatica o asintomatica; casi gravi possono causare tetania, convulsioni e aritmie cardiache. Considerare l’ottenimento di concentrazioni sieriche di magnesio prima di iniziare la terapia a lungo termine, soprattutto se prendendo digossina concomitante, diuretici o altri farmaci noti per causare ipomagnesiemia; e in seguito periodicamente. Ipomagnesiemia può essere corretto con supplementazione di magnesio, anche se l’interruzione del rabeprazolo può essere necessaria; livelli di magnesio in genere ritornano alla normalità entro 1 settimana di arresto.

• nefrite interstiziale acuta nefrite interstiziale è stata osservata nei pazienti trattati con inibitori della pompa protonica; può verificarsi in qualsiasi momento durante la terapia ed è generalmente causa di una reazione di ipersensibilità idiopatica. Interrompere se nefrite interstiziale acuta si sviluppa.

• vitamina B 12: trattamento prolungato (≥ 2 anni) possono portare alla vitamina B 12 malassorbimento e la conseguente carenza di vitamina B 12. L’entità della carenza è dose-dipendente e l’associazione è più forte nelle donne e di quelli più giovani di età (<30 anni); prevalenza è diminuita dopo l'interruzione della terapia (Lam, 2013). preoccupazioni correlati alla malattia • neoplasia gastrica: sollievo dei sintomi non esclude la presenza di un tumore maligno gastrico. • Insufficienza epatica: Usare cautela nei pazienti con insufficienza epatica grave. problemi di terapia farmacologica simultanee • Clopidogrel: inibitori della pompa protonica (PPI) possono diminuire l'effetto terapeutico di clopidogrel, pensato per essere a causa della ridotta formazione del metabolita attivo di clopidogrel. Il produttore di clopidogrel raccomanda uno evitare sia l'omeprazolo (anche quando in programma 12 ore di distanza) e esomeprazolo o l'uso di un PPI con relativamente meno effetto sul metabolita attivo di clopidogrel. Evitare di rabeprazolo sembra prudente a causa della potente vitro inibizione del CYP2C19 (Li, 2004) e la mancanza di confronto sufficienti studi in vivo con altri inibitori della pompa protonica. In contrasto con questi avvertimenti, altri hanno raccomandato l'uso continuato di PPI, indipendentemente dal grado di inibizione, nei pazienti con una storia di sanguinamento gastrointestinale o più fattori di rischio per sanguinamento gastrointestinale che vengono trattati anche clopidogrel da nessuna prova ha stabilito differenze clinicamente significative in esito; tuttavia, un'interazione clinicamente significativa non si può escludere in coloro che sono metabolizzatori lenti di clopidogrel (Abraham, 2010; Levine, 2011). • Interazione tra farmaci: potenzialmente possono esistere interazioni significative, che richiedono dose o regolazione della frequenza, il monitoraggio aggiuntivo, e / o la selezione di una terapia alternativa. Consultare database di interazioni farmacologiche per informazioni più dettagliate. Altre avvertenze / precauzioni • L'uso appropriato: eradicazione dell'Helicobacter pylori: la terapia di combinazione a breve termine (≤7 giorni) è stato associato ad una maggiore incidenza di fallimento del trattamento. L'American College of Gastroenterology raccomanda 10 a 14 giorni di terapia (tripla o quadrupla) per l'eradicazione di H. pylori (Chey, 2007). livelli di magnesio nei pazienti in trattamento a lungo termine o quelli che prendono digossina, diuretici o altri farmaci che causano ipomagnesiemia; test di sensibilità raccomandata nei pazienti che non riescono H. pylori regime di eradicazione. Gli eventi avversi non sono stati osservati in studi sulla riproduzione animale. Gli studi disponibili non hanno mostrato un aumento del rischio di difetti maggiori alla nascita seguito uso materno di inibitori della pompa protonica durante la gravidanza; tuttavia, le informazioni specifiche per rabeprazolo è limitato (Pasternak, 2010); maggior parte delle informazioni disponibili per l'omeprazolo. Durante il trattamento GERD in gravidanza, i PPI possono essere utilizzate quando clinicamente indicato (Katz, 2013). • discutere uso specifico del farmaco ed effetti collaterali con il paziente in quanto si riferisce al trattamento. (HCAHPS: Durante questa permanenza in ospedale, stavi dato qualsiasi medicinale che non aveva preso prima di prima di dare qualsiasi nuova medicina, come spesso faceva il personale ospedaliero si dicono quello che la medicina è stato per quanto tempo hanno personale ospedaliero descrivono i possibili effetti collaterali in? un modo si potrebbe capire?) • paziente può avvertire mal di testa, costipazione, flatulenza, o la faringite. Avere report paziente immediatamente ai segni prescrittore di ipomagnesiemia, segni di insufficienza renale, forti capogiri, sincope, notevole dispepsia, osteodynia, brividi, perdita di peso eccessiva, astenia significativa, diarrea intollerabile, crampi addominali, melena, o segni di sindrome di Stevens-Johnson / necrolisi epidermica tossica (HCAHPS). • Educare paziente circa i segni di una reazione significativa (per esempio, respiro sibilante, senso di costrizione toracica, febbre, prurito, tosse cattiva, blu colore della pelle, convulsioni, o gonfiore del viso, labbra, della lingua o della gola). Nota: Questo non è un elenco completo di tutti gli effetti collaterali. Il paziente deve consultare il medico curante per ulteriori domande. Uso previsto e limitazioni: non dovrebbe essere stampato e dato ai pazienti. Queste informazioni sono destinate a servire da riferimento iniziale sintetico per gli operatori sanitari da utilizzare quando si parla di farmaci con un paziente. È in ultima analisi, deve fare affidamento sulla propria discrezione, l'esperienza e il giudizio nella diagnosi, trattamento e consigliare i pazienti.